Home > Fenomeni sociali, Italia mio povero paese, Uncategorized > Il paese immobile – Perché l’Italia merita il berlusconismo

Il paese immobile – Perché l’Italia merita il berlusconismo

In questo post non parlerò di internet, di marketing, di applicazioni o altro. Vorrei parlare invece del nostro sistema-paese, o meglio di quello che vi sta dietro. Perché io che mi occupo – per dirla in maniera semplicistica – di innovazione, tecnologia e sviluppo (della rete), a volte faccio davvero fatica a pensare che valga ancora la pena rimanere in questo maledetto e amatissimo paese, accanendosi nel tentativo di migliorarlo. Ma le ragioni hanno poco o nulla a che fare con le infrastrutture esistenti, con la diffusione della banda larga e nemmeno con la politica intesa come l’insieme delle persone che ci governano. Ha tutto a che fare con quella che è la (non) cultura italiana, con la mentalità nostrana, con gli atteggiamenti e le consuetudini del nostro popolo. Quindi chi non è interessato ai miei sproloqui socio-politico-culturali può anche smettere di leggere e passare ad altro.
Dicevo del mio sconforto, che negli ultimi tempi è cresciuto a dismisura. Non tanto per le vicende legate a Berlusconi e alle sue malefatte personali. Perché, a mio modo di vedere, il problema non è lui. Anzi, paradossalmente io credo che il problema vero sia che nel bene e nel male a lui tendiamo ad attribuire tutti i meriti e tutte le colpe. Direi che il vero, grosso problema è che nessuno – e dico nessuno – è disposto a provare a prendersi un po’ di quei meriti o un po’ di quelle colpe che adesso Berlusconi monopolizza. Se l’economia va male la colpa è di Berlusconi. Se le esportazioni aumentano è merito di Berlusconi. Se l’istruzione pubblica è al collasso è colpa sua. Se la Ferrari vince un gran premio è merito suo.
NO.
Io non credo nella teoria del “grande vecchio” che tutto muove e tutto decide. Anche perché, ricordiamolo, Berlusconi non è salito al potere con un colpo di Stato. Berlusconi è stato democraticamente eletto. Il che vuol dire che una grossa parte del paese si identifica in lui. Quindi, brutalizzando di nuovo le cose, l’Italia non è un prodotto di Berlusconi ma esattamente il contrario: è Berlusconi che è un prodotto dell’Italia contemporanea. Per questo ci rappresenta. Così come tutte le cose di cui ci lamentiamo quotidianamente sono fondamentalmente prodotti dei nostri atteggiamenti e della nostra cultura atavica. Perché – che ci piaccia o no – noi siamo il paese del “non è colpa mia”, “qualcuno faccia qualcosa”, “lo Stato dov’è?” e via discorrendo. Siamo, in sostanza, un paese di irresponsabili. Perché abbiamo tutti i giorni sotto gli occhi le contraddizioni che segnano il nostro agire e riguardo alle quali nessuno se non noi stessi possiamo fare alcunché. Che al governo ci sia Berlusconi o chiunque altro. Alcuni esempi.
-Tutti si lamentano della sporcizia che regna in quasi tutte le città italiane, magari accusando le amministrazioni locali di non fare abbastanza. Però praticamente tutte le persone che conosco e che fumano – anche le più colte, progressiste e dichiaratamente ecologiste – hanno lo schifosissimo viziaccio di gettare i mozziconi in mezzo alla strada o sul marciapiede quando hanno finito. Chiaro che la politica, le amministrazioni locali e i netturbini poco possono fare contro un malcostume così diffuso.
-Tutti si lamentano della fortissima evasione fiscale che regna in questo paese. Corretto. E al di là dei famosi grandi evasori, siamo tutti pronti a scandalizzarci davanti a un idraulico che chiede 80 Euro con la fattura e 50 senza. Sacrosanto. Ma sono pronto a scommettere che il 90% dei lettori di questo post – pur essendo sicuramente persone integerrime – hanno sempre e comunque optato per i 50 Euro anziché gli 80. Perché in fondo a noi cosa importa, sono affaracci dell’idraulico, no? Ma intanto con questo atteggiamento, tutti alimentano l’evasione fiscale. E non c’è norma, legge o ministro che tenga.
– Tutti ci lamentiamo del sistema scolastico Italiano, che è ormai al collasso. Può essere. Soprattutto inveiamo tutti contro i continui tagli all’istruzione. Insindacabile. Ancora di più ci fustighiamo di fronte ai cervelli in fuga e alla mancanza di meritocrazia a tutti i livelli. Ottimo. Ma io ricordo molto bene di quando dovetti fare il test d’ingresso per entrare a Scienze della Comunicazione a Bologna qualche anno fa. Io ce la feci per il rotto della cuffia, arrivando 138esimo su 140 posti disponibili. Ma non mi era andata altrettanto bene a Torino e Siena, dove sarei rimasto escluso dalla selezione. Chiaro che non ero felice. Ma il mio primo pensiero fu che chi ce l’aveva fatta era evidentemente più bravo di me. Loro meritavano di entrare e io no. Punto. Evidentemente non pensavano la stessa cosa le centinaia di persone che fecero ricorso al T.A.R. per farsi ammettere ab imperio. E tanti saluti alla meritocrazia. La regola c’era, erano i cittadini a trovarla giusta se si adattava ai loro porci comodi e ingiusta se ledeva il loro personalissimo interesse.
– Credo sia capitato a tutti di andare da un medico – ad esempio per il rinnovo della patente – il quale nemmeno ti visita, ti chiede se stai bene e alla tua risposta affermativa ti consegna il certificato per la modica somma di circa 40€. Insensato, illegale e pericoloso. Ma alzi la mano chi ha mai denunciato un medico del genere o preteso invece di essere accuratamente visitato. Anche in questo caso, il medico è tanto colpevole quanto la maggioranza dei cittadini che nulla fanno o chiedono per cambiare questo malcostume.
– Tutti ci lamentiamo dello schifo che c’è in Tv al giorno d’oggi. Idioti strepitanti o ragazzine seminude sculettanti. Ma sono io il primo – le pochissime volte che mi capita di accendere la televisione – a soffermarmi affascinato e un po’ sbavante davanti alle natiche sode e oscillanti della sgallettata di turno. E se facessi parte del panel Auditel contribuirei senz’altro ad avvalorare da un punto di vista numerico l’idea che le ragazzine con i seni rifatti sono “quello che la gente vuole vedere”.
– Ancora – e similmente – domani si terrà una grande manifestazione di protesta per come Berlusconi tratta e considera le donne. Ma ancora una volta sono dell’idea che il problema di fondo non sia tanto il signor B. Lui è solo uno dei tanti vecchietti bavosi che, anzi, suscitano l’ammirazione degli uomini per la sua prestanza sessuale in età avanzata (chi non vorrebbe essere ancora in grado di darsi alle orge una volta passati i 70?) e riscuotono successo tra le donne per gli stessi motivi. Quello di Berlusconi è più un problema contingente, legato al fatto che la sua è una figura pubblica di cui sono noti aspetti privati che mai dovrebbero giungere al grande pubblico. Più che contro il premier, credo che le donne e gli uomini che scenderanno in piazza dovrebbero accanirsi contro le varie Minetti, Ruby, Nadia, D’Addario, escort, stelline e soubrette che al gioco del vecchio bavoso si prestano. Perché – ancora una volta – il presidente del consiglio non le ha obbligate, non le ha forzate, non le ha incatenate. Sono state al gioco. E così come è difficile stabilire chi ha più colpe fra corruttore e corrotto, così andrebbero biasimate tanto quanto Berlusconi anche e soprattutto le fanciulle che qualunque cosa farebbero per un po’ di notorietà. Perché, ancora una volta, si rischia di stigmatizzare un singolo personaggio che tutti rappresenta, anziché ammettere che quest’ultimo è libero di fare quello che vuole delle e con le donne perché il nostro paese è pieno di aspiranti veline, sciacquette sculettanti e maggiorate esibizioniste, figlie di una cultura rarefatta, di una superficialità generalizzata e di un’aspirazione alla ricchezza e alla celebrità col minimo sforzo.
– Soprattutto, siamo il paese del “poverinismo”, del perdonismo e del “sonragazzismo”. Perché siamo pronti a denunciare, mandare in galera o alzare le mani contro un giovane che magari compie un furto veniale, imbratta un muro o ci riga la macchina per scherzo. Ma se quel giovane è nostro figlio, ecco che allora “è solo un ragazzo”, “ma poverino, cosa vuoi che sia”, “se la sono presa con lui solo perché gli altri sono scppati”. E via, perdonato!

Siamo, in sostanza, il paese dalla grande coscienza collettiva degli affari altrui ma totalmente incosciente della propria responsabilità personale. Per cui – davvero – smettiamola di prendercela con la classe politica, come se questa non avesse nulla a che fare col nostro voto, col nostro comportamento, con la nostra cultura collettiva.
Cominciamo, SINGOLARMENTE, ad ammettere i nostri errori, a non buttare mozziconi e cartacce per terra, a non perdonare troppo facilmente le mancanze nostre e dei nostri figli, a guardare in massa Piero Angela anziché il Grande Fratello. Cominciamo ad ammettere i nostri limiti, riconosciamo le nostre incapacità e non incolpiamo la società, gli altri, la storia, lo Stato o il Papa se non passiamo un esame o non troviamo un lavoro. Cominciamo ad imparare a dire “è colpa mia”, “sono stato io”, “la responsabilità” è mia come singoli individui. Poi, solo a quel punto, cominciamo a dire che la classe politica non ci rappresenta. Perché, al momento, temo che invece ci rappresenti molto bene.

Add a Facebook Comment

  1. February 14th, 2011 at 16:27 | #1

    In effetti, butto i mozziconi per terra e non denuncio chi non paga le tasse. Ma sottoscrivo il post in pieno: Berlusconi non è il problema, è uno dei sintomi. Quanto dell’amore e dell’odio che attrae deriva da un qualche tipo di coscienza civica, e quanto invece dalla soddisfazione o dalla frustrazione derivanti dall’essere rispettivamente inclusi o esclusi dal circolo dei privilegi? Quanto di quello che chiamamo berlusconismo si dissolverebbe se lui scomparisse domani? Qual’è il nostro dittatore da abbattere? Lui o l’intera ‘coscienza’ del nostro Paese?

  2. February 14th, 2011 at 18:08 | #2

    “Anche perché, ricordiamolo, Berlusconi non è salito al potere con un colpo di Stato. Berlusconi è stato democraticamente eletto. Il che vuol dire che una grossa parte del paese si identifica in lui.”

    …beh,diciamo che essere il cittadino piu’ ricco, con l’assoluto controllo dei media, aiuta. Aiuta parecchio!
    Piu’ che identificarsi in lui, è l’identificarsi nell’immagine che di lui passa (il Presidente Operaio e via blaterando). Non darei tutte le colpe all’italiano medio che sarebbe, secondo il Rag. Fantozzi Ugo, una “merdaccia”, assolvendo l’opera del Berlusconismo.
    Sarebbe come sposar la tesi: IMMIGRATO=CLANDESTINO=CRIMINALE…ITALIANO=ITALIOTA=MERDACCIA

    Certo che il nostro povero Paese, da almeno 1700 anni, ossia da quando Costantino vide la Luce, assoggettando ad interessi politici la regolamentazione di una setta di scelerati che i suoi predecessori facevan sbranare dai leoni del Circo Massimo, è stato sommerso da valori, principi, moralita’, alquanto discutibili. Partendo dal fatto che anche se la combini grossa, tanto poi c’e’ il pentimento e va tutto a posto. La morale del farla franca.
    Sicuramente esiste un problema culturale, ma cio’ non solleva minimamente Berlusconi e soci dalle loro colpe.
    Temo che anche in un paese culturalmente “sano” (a patto che esista),la concentrazione del controllo dei Media e del Potere Economico, comunque, di danni ne avrebbe fatti.
    Forse, esser culturalmente “sano” e la concentrazione di poteri economico-mediatici, stridono….Oddio, è mia personalissima opinione che “sano” e “potere economico” stridano, a prescindere…quindi escluderei sicuramente Europa e USA…per il resto…bah!

  3. Roberto C.
    February 14th, 2011 at 20:04 | #3

    @bak
    Sul fatto che Berlusconi e i suoi accoliti siano una masnada riprovevole sotto vari punti di vista non ci piove. Così come non piove sul fatto che il controllo dei media sia un gigantesco elemento a favore, a parità di altre variabili. Il punto, però, è proprio questo: le altre variabili sono il livello culturale medio degli italiani, il loro atteggiamento, la loro storia. Tutte variabili che fanno in modo che la propoaganda berlusconiana faccia presa e non venga invece dileggiata o disprezzata, come credo accada fra i pochi lettori di questo blog. Ricordiamoci che i mezzi di comunicazione sono solo uno strumento tramite il quale veicolare idee e valori. Idee e valori che attecchiscono dove c’è terreno fertile, a prescindere da quanto possano essere urlati.
    Quindi ribadisco il concetto che quello che serve è una rivoluzione culturale che spodesti il malcostume diffuso: una rivoluzione elettorale (o peggio) che spodesti un governo non è altro che una formalità in confronto.
    Per inciso, non ho capito il parallelismo tra l’Italiano medio e l’immigrato criminale…

  1. November 13th, 2011 at 14:38 | #1
*