About Me

January 20th, 2015

Italo-inglese dalla faccia medio-orientale, sono nato per caso nell’Inghilterra del nord nel giugno del 1976.

Dopo un’ infanzia ruspante su un’isola in mezzo al lago d’Iseo e un’adolescenza molto normale sui colli bergamaschi, nel ’95 approdo nell’ormai quasi decadente Bologna dove, per esclusione di tutto il resto, mi metto a studiare comunicazione con i soliti esiti da “è bravo ma non si applica”. Nel ’95 scopro anche questa cosa nuova chiamata Internet e mi metto in testa che, anche se al momento è ancora piccolo e sgarrupato, il giovane ha, anzi è, il futuro. Mi ci accanisco talmente tanto da decidere di dedicare la mia tesi di laurea a quella che allora era ancora “new” economy e ai modelli di business basati sulla pubblicità sui mezzi digitali. Visti i tempi (verso il 2001) decido di fare voto di povertà e dopo il servizio civile passato a fare biglietti aerei al CTS, comincio la mia carriera lavorativa sul web, partendo dalla giovanissima Yahoo! Italia. Passo poi da Universal Interactive e Profero per giungere nel 2006 in Starcom Italia, dove ho ricoperto la carica di Digital Director per più di 4 anni. Da novembre 2010 ho intrapreso una nuova “sfida” (come dicono quelli fighi), accettando di lanciare sul mercato italiano le attività di Weborama , società francese ormai presente in tutta Europa che si occupa di piattaforme tecnologiche per la gestione, il monitoraggio e la profilazione della pubblicità online e della sua audience. Il fine ultimo è però quello di offrire agli inserzionisti non solamente un certo numero di impression ma di passare finalmente a un’offerta pubblicitaria su misura, dove sul piatto dell’offerta vi siano persone caratterizzate da un deterinato profilo e soprattutto comportamento. Lavoriamo cioè per la realizzazione della tanto agognata comunicazione one-to-one dinamica e non solo tramite messaggi statici e indifferenziati per tutti.
In sostanza, continuo a occuparmi di comunicazione sui mezzi digitali, cercando di tenere sempre d’occhio gli scenari tecnologici e di marketing. Nel (pochissimo) tempo libero soddisfo molto volentieri bisogni primari come mangiare e bere cercando di farlo nel modo più gratificante possibile. Ho anche una certa passione per i libri di storia (oltre che per i romanzi di tutti i tipi) che spesso trascuro ma che cerco di ingannare tenendoli tutti impilati sulla cassettiera accanto al letto, come se li stessi leggendo tutti contemporaneamente.

Comments are closed.