Archive

Posts Tagged ‘efficacia’

Bevi la Coca-Cola che ti fa digerire. Anche la crisi (?)

May 31st, 2009 1 comment

Riprendo quasi paro-paro un post di Matteo su Imlog. Dati di fatto:
– Coca-Cola ha lanciato in Italia un nuovo spot (visionabile qui) dove la bambina Giulia di Pisa inneggia alla frugalità e alla semplicità, rivalutando la bicicletta, il ragù della mamma e via discorrendo – ovviamente il tutto asociato alla Coca-Cola
– Questo spot ha suscitato polemiche in Toscana e sul web, per via dell’utilizzo della toscanità della bambina e di una presunta filosofia anti-Berlusconiana (che in tempi di crisi invita a consumare di più per far rimettere in circolo il danaro)
– Oltre alle polmiche, lo spot ha dato vita a diverse repliche, o per meglio dire parodie, la più divertente delle quali ripubblico anch’io:

Onestamente poco comprendo le polemiche che lo spot ha innescato, che credo derivino da un’analisi semiotica e socio-economica di un livello a cui l’uomo della strada  arrivi raramente. Il messaggio è in tipico stile Coca-Cola, rivolto a trovare il lato positivo delle cose. Il fatto che la brava Giulia sia semplice e frugale non lo leggo come un invito a  peggiorare la crisi spendendo meno, quanto piuttosto ad affrontarla in maniera positiva, rivalutando le cose il cui abbandono alla crisi ci ha portato. Ovvero: ora che i soldi non ci sono, rivaluto il ragù della mamma – che peraltro è buono e semplice – e non faccio una tragedia del fatto di non poter più andare in un ristorante di lusso, la qual cosa è stata più o meno simbolicamente uno dei fattori scatenanti della crisi attuale (leggi: indebitarsi a livello sia micro che macro per acquistare cose che non ci potevamo permettere).
Non voglio assolutamente fare polemica, anche perché gli studi semiotici che accomunano me e Matteo ci insegnano che è abbastanza facile associare significanti (“che cosa avrà mai voluto dire?”) diversi allo stesso significato (lo spot, in questo caso), motivo per il quale ogni contenuto, pubblicitario o meno, è interpretabile in tantissimi modi.
Solo dico che essendo questo per l’appunto uno spot, credo vada interpretato per quello che è, ovvero un messaggio creato allo scopo di far vendere di più. E se è vero che “non è importante che se ne parli bene o male, basta che se ne parli” o – come scrivevo in un mio post precedente – se il successo di uno spot si dovesse giudicare dal numero di parodie, allora direi che anche questa volta lo spot Coca-Cola ha fatto il suo dovere.

Facebook in tutte le salse (pure romana)

March 16th, 2009 No comments

Credo che tra i vari indicatori media e di marketing manchi quello relativo al numero di parodie: se è vero che tale numero è un buon indice del successo di un fenomeno, allora anche in questo Facebook non lo batte nessuno. Pubblico qui l’ultima che ho trovato (in romanesco), tanto gustosa quanto vera :-)

Efficacia di guerrilla e viral: una domanda aperta

March 16th, 2009 No comments

mmnsRubo la foto qui accanto dal profilo Facebookiano di Roberto Venturini per fare un paio di considerazioni e porre un paio di quesiti.

Le considerazioni:
– L’iniziativa (di M&M’s, per chi non avesse riconosciuto la sagoma del cadavere) è a mio avviso molto carina e, per quello che vale una collega che te la racconta arrivando in ufficio, evidentemente efficace dal punto di vista dell’impatto.
– L’utilizzo del guerrilla marketing e iniziative “across the line” come i video virali, vengono intraprese sempre più spesso da molti brand.

I quesiti:
– Al di là dell’impressione a pancia e a naso che possono dare (generalmente buona), c’è un modo per misurare l’efficacia di iniziative di questo tipo? Mi spiego: se faccio una campagna tv (o su altri mezzi), si riesce generalmente a trovare una correlazione più o meno diretta tra la pressione pubblicitaria e la variazione nelle vendite. Oltre, ovviamente, a tutte le ricerche orientate a misurare l’aumento di brand awareness, purchase intent, advertising awareness ecc. Anche e soprattutto l’online ha i suoi bravi indicatori: a partire dal “vecchio” clickrate per arrivare al ROI vero e proprio, ovvero alle vendite generate (quando si vende qualcosa online) o comunque a una qualche forma di lead. Ma la guerrilla e il viral? Certo, ci sono gli indicatori media classici (quanti contatti, quanta gente esposta, quante visulizzazioni); ma per quel che riguarda l’efficacia? Io non ho ancora trovato nulla in proposito e su questo chiedo una mano ai quattro gatti e due topolini che mi leggono.
– Ammesso e non concesso che le azioni di guerrilla possano essere efficaci, mi chiedo se qualunque brand si possa permettere di puntare su queste forme di marketing. Non in senso economico bensì in termini di notorietà pregressa. Prendiamo l’esempio qui riportato: l’efficacia della campagna (ma quanta e quale?) è dovuta prima di tutto al fatto che gli M&M’s sono già ultra-noti (per lo più grazie a costosissime campagne e produzioni televisive) e che sarebbe molto difficile non riconoscerne la sagoma. Ma se il brand e/o il prodotto fosse sconosciuto e al primo lancio? La mia deduzione è che se si volesse creare un “teaser” prima del lancio con una campagna di guerrilla si dovrebbe farlo su vastissima scala, spendendo un sacco di soldi (generalmente una campagna di questo tipo viene fatta su quattro o cinque delle città maggiori quando va bene; se però vogliamo una copertura veramente estesa dovremmo aumentare a dismisura il numero di città, con relativi costi), di modo che poi la fase di svelamento sia comprensibile ai più. Come dire: se non sei già noto grazie ai mezzi tradizionali, dovrai o spendere un sacco per diventarlo oppure aspettare un sacco di tempo perché il passaparola si diffonda in modo ampio e profondo. Anche qui però confesso la mi ignoranza e invito chiunque ne sappia più di me a darmi la sua opinione/idea/testimonianza.

Per il momento me ne sto con la convinzione che non sia affatto vero che una guerrilla o un viral efficaci siano a basso costo, anzi. Ma ben felice di essere smentito.

Pubblicità e passaparola

February 24th, 2009 No comments

Così com’è vero che la storia si ripete sempre, è altrettanto vero che ciclicamente si riscopre l’acqua calda. L’acqua calda degli ultimi mesi è il passaparola, assieme a tutti suoi cugini markettari Buzz, Influential, Conversational e altri ancora. Acqua calda perchè sembra sempre che stiano per dare il premio Nobel all’ultimo arrivato che scopre che è il passaparola il mezzo di comunicazione più potente del mondo. L’ultimo post di Minimarketing mi fa però venire il dubbio che quest’acqua possa essere solo tiepida e non così calda. In effetti sono abbastanza convinto che il passaparola non sia tanto un potentissimo strumento di comunicazione quanto un ottimo “risolutore” delle decisioni di acquisto. Nel suo post, Diego fa giustamente notare che non si dovrebbe chiedere “come hai conosciuto” il tal prodotto, quanto piuttosto “come hai deciso di acquistarlo”. Alla prima domanda infatti credo che nella maggior parte dei casi si risponderebbe “tramite la pubblicità” o comunque attraverso una qualche tipo di comunicazione above o below the line. Sicuramente vi sarebbe anche il passaparola (tramite amici) ma, soprattutto nel caso di prodotti nuovi, con percentuali piuttosto esigue rispetto all’ancora potentissima tv o -perchè no- anche una campagna web con un budget consistente. Parliamo però di notorietà (accontentiamo gli amici markettari anglofoni: awareness rende meglio?), non necessariamente di intenzione d’acquisto. In quest’ultimo caso direi che invece i rapporti di forza spesso si ribaltano: basso potere della comunicazione (pubblicitaria) ma un ruolo strategico giocato dal passaparola. O meglio: basso potere della comunicazione se confrontato con quello del passaparola, nel caso in cui siano presenti tutti e due. Come dire: mi possono anche bombardare di immagini suadenti ad altissima frequenza, che mi danno l’idea di una macchina perfetta per me, ragione per la quale sarà decisamente top of mind quando mi incammino verso la concessionaria; ma se un mio amico esperto di auto mi ha detto che secondo lui è un catorcio con una bella carrozzeria, allora è molto facile che centinaia di grp televisivi verranno sconfitti da una chiacchierata di 15 minuti al bar. Questo non significa che la comunicazione non serva, anzi: è però solo un primo filtro prima di applicare quello finale dato dalla consulenza dell’amico esperto. Io che non capisco nulla di auto tenderò ad avere in testa i 3-4 modelli che più ho sentito o ho più visto, che mi hanno colpito di più. Sarà con questa short list che mi presenterò alla selezione finale del passaparola. Ovviamente il mio “peer” esperto di auto sarà pronto a darmi anche l’alternativa fuori dalla lista. Ma io che sono un tipo che poco resiste ai propri istinti tenderò comunque a rimanere coerente con la scrematura che ho già fatto, se non altro perchè non voglio fare la figura dello sprovveduto totale.
Ovviamente sto semplificando al massimo ed esistono una miriade di casi intermedi o totalmente opposti: se ad esempio un prodotto è assolutamente nuovo e non ho nessun amico esperto in proposito, nel momento in cui avrò davvero bisogno di tale prodotto, sarà la pubblicità il driver principale del mio acquisto (secondo la cara vecchia logica del “dato che nessuno lo conosce, se l’ho visto in tv dev’essere buono rispetto a quello che non ho mai sentito nominare”). Oppure, all’estremo opposto, vi sono sicuramente prodotti che non comunicano (tipicamente quelli di nicchia), per i quali sarà uno dei parenti del passaparola a convincermi: è il tipico caso, che so, di un viaggio nel Belucistan, i cui pacchetti tutto compreso non sono esattamente il prodotto su cui i tour operator spendono milioni in pubblicità. Ecco che allora diventa fondamentale l’amico bizzarro che ha già vissuto un’esperienza del genere. Oppure gli amici virtuali, ovvero le ricerche su web di testimonianze e persone che ci sono state. L’uno e l’altro caso (solo pubblicità o solo passaparola) sono gli estremi di uno spettro con infinite possibilità e combinazioni; uno spettro all’interno del quale credo la stragrande maggioranza dei prodotti si piazzi grosso modo a metà. Un mix di notorietà data dalla pubblicità e di persuasione data dal passaparola (o da forme di marketing mirate, come il buzz o l’influential).
Ecco che allora all’interno delle strategie di marketing bisognerebbe fare un po’ più di attenzione a dove piazzare il cosiddetto WOM: credo che in moltissimi casi sia necessario attivarlo ma soprattutto in un’ottica di lungo periodo. Sicuramente al lancio di un nuovo prodotto può creare buzz iniziale, può supportare una campagna di comunicazione strutturata ma trovo abbastanza difficile che da solo possa dare al prodotto la notorietà che gli può dare una campagna tv in grande stile. Sul lungo periodo invece l’efficacia del passaparola può essere determinante: sarà nel momento in cui decido di acquistare il tal prodotto (perchè ne ho bisogno o perchè mi piace) che mi informerò seriamente e presterò particolare attenzione a quello che se ne dice in giro. Ecco che allora – a parità di altre variabili – saranno i marchi che hanno fatto una buona opera di seeding preventiva ad avere maggiori possibilità di essere scelte sullo scaffale, sul bancone o in concessionaria. Ecco che allora i direttori marketing e/o comunicazione non si possono aspettare di vedere subito le vendite fare chissà quali balzi in avanti solo con una campagna di buzz marketing o virale. Così come non ci si può aspettare di risollevare le vendite di un prodotto di cui si parla male cercando di soffocare le maldicenze con milionate di televisione, stampa e radio.

Ripeto: sto facendo delle semplificazioni estreme ma credo che il messaggio sia chiaro. Rimanere semplici, quasi basici (il prodotto deve essere buono, deve essere facilmente trovabile, deve presentarsi bene, ecc.) e assegnare a ciascuno strumento il proprio ruolo (la pubblicità fa quello che dice: rende pubblico. Il passaparola fa quello che dice: diffonde opinoini) dovrebbero essere i segreti del successo di qualunque marca.

Social networks: wow o bau?

February 14th, 2009 No comments

Traggo spunto da questo post/articolo su OnlineMarketingBlog per dichiarare il mio pessimismo riguardo alle potenzialità pubblicitarie dei cosiddetti social network.
Proviamo ad andare per step; un mezzo, per essere sfruttato pubblicitariamente deve avere determinae caratteristiche:
1) Deve convogliare tanta gente (e i social network lo fanno: Facebook ha quasi 10 milioni di utenti in Italia)
2) Deve essere in grado di dare riconoscibilità ai propri utenti/lettori/quello che è (e cosa meglio dei social network per farlo, dato che bisogna iscriversi e – potenzialmente – dichiarre qualunque cosa, spesso anche il colore delle mutande)
3) Deve essere in grado di fornire un tipo di comunicazione pubblicitaria che in un modo o nell’altro sia percepita come positiva o nel peggiore dei casi come neutra dagli utenti: può intrattenere, può informare (sui prodotti), può affascinare, essere utile o alla peggio non avere alcun effetto. Nel caso della neutralità si può comunque puntare sulla cosiddetta “esposizione”, ovvero quello che succede nel caso dei media classici come la televisione. Chiaramente “esposizione” è pittosto diverso da “visione” e a maggior ragione da “attenzione” e “interesse”. Nel caso della televisione siamo ragionevolmente sicuri che quantomeno esposizione e visione coincidano (al netto di tutte le implicazioni pratico-filosofico-statistiche legate ai sistemi di misurazione, dove non mi voglio addentrare in questa sede – vedi eventualmente questo link: http://www.disinformazione.it/auditel3.htm). Questo per via della semplice modalità di fruizione del mezzo: la pubblicità fa parte del flusso di comunicazione undirezionale verso il quale è diretta la mia attenzione. Semplificando al massimo (e mi si perdoni il sottile confine fra semplicità e semplicismo sul quale sto camminando), una modalità analoga può essere applicata alla fruizione, che so, della stampa o dei siti web in sens allargato: il mio intento è abbastanza preciso (informarmi, ad esempio) ma, non sapendo in anticipo come è strutturata l’informazione sulla pagina o sul sito, il mo occhio e la mia attezione vagano alla ricerca di ciò che merita uno sforzo cognitivo maggore. Nell’ambito di questo girovagare dell’occhio e della mente, mi imbatto anche nella pubblicità, che può divenire (in oltre il 99% dei casi non succede ma sui grandissimi numeri anche uno zerovirgola fa testo) come gli altri elementi della pagina, oggetto principale della mia attenzione. E comunque, anche se non fosse questo il caso, il mio occhio (e quindi la mia mente) – consapevolmente o meno, è stato esposto al messaggio, che andrà così a lavorare su tutti quegli elementi che si trovano scritti sui libri di comunicazione  marketing: awareness, brand favourability, purchase intent, equity ecc.

Ora proviaamo a pensare a quello che succede quando sto navigando su una piattaforma di social networking: anzitutto, l’ambiente non è percepito come istituzionale ma come decisamente più informale e – per molti versi – intimo. E’ un po’ come se mi aggirassi nella vecchia piazza di paese dove mi aspetto di trovare persone che conosco, di conoserne di nuove, di parlarci, di scambiare pettegolezzi, di spiare le ragazze in situazioni non abituali (suvvia, chi non l’ha mai fatto?), di confrontarmi e confortarmi su avvenimenti, pensieri e sentimenti reciproci. Ttutto questo attiene alla mia sfera personale, privata e per lo più emotiva. Sono pronto a recepire e dare informazioni che riguardino tale sfera ma decisamente meno nei confronti di tutto ciò che riguarda la sfera pubblica, ovvero il mondo esterno. La mia attenzione selettiva ha, in un certo senso, delle barriere più alte. A questo si aggiunga il fatto che – si parli di Myspace, Facebook o altro – lo spazio virtuale all’interno del quale mi muovo e interagisco è percepito cme strettamente personale (oltre che personalizzato), u po’ come se fosse casa propria. Piazzarci della pubblicità in senso classico equivale da questo punto di vista ad appiccicare un cartellone pubblicitario nel proprio salotto o, quando visito i profili degli altri, a trovarsene uno nella sala da pranzo della bella figliola che ti ha invitato a cena. Parecchio fuori luogo e molto probabilmente distonico rispetto al resto dell’arredamento e del contesto.

A meno che.

Tutto questo a meno che la maxi-affissione che mi viene piazzata in cameretta non abbia colori che si intonino con le pareti e il resto dell’arredo e del corredo. A meno che il soggetto della stessa maxi-affissione non sia qualcosa che abbia a che fare con quello che sto cercando e che mi fa piacere trovare in piazza. A meno che, insomma, la comunicazione non sia talmente mirata, conestualizzata e targetizzata da renderla un elemento piacevole, utile e non distonico rispetto a tutto il resto e soprattutto rispetto a me stesso.
Questo significa però una conoscenza minuziosissima di ogni singolo utente del social network, delle sue caratteristiche e dei suoi gusti. Significa essere davvero in grado di stabilire la mitica comunicazone one-to-one con ciascuno di essi, che non si traduce però nella “profilazione” spesso utilizzata ad esempio nel direct marketing: non è più sufficiente comunicare prodotti di bellezza adatti a donne con più di 50 anni a donne con più di 50 anni. Significa comunicare prodotti di bellezza adatti a donne cone più di 50 anni a donne con più di 50 anni, che sono interessate a tali prodotti, che ne parlano con le amiche, che fanno domande in proprosito; significa farlo al momento giusto nel posto giusto, ovvero quando la rilevanza è massima (ad esempio all’interno di una discussione sulle righe), inserendosi nel discorso in maniera coerente.
Ttutto questo è tecnicamente possibile. Le persone, i contesti, i momenti, i topic giusti si possono individuare facilmente. Il punto è: ma quanto costa essere così rilevanti ogni volta? E ne vale la pena? E’ sensato pensare a 50 messaggi diversi per adattarsi a circostanze composte da 10 variabili differenti, per cui basta la variazione di una sola di esse per andare fuori tema? Allo stato dell’arte temo che no, non ne valga la pena. Se devo fare tutta questa fatica per attirare l’attenzione allora tanto vale inestire un po’ di soldini in uno spot fatto bene e spararlo in tv come si è sempre fatto. Costoso, dispersivo, poco rilevante ma almeno ho la sicurezza che qualche milionata di persone mi ha visto. E alla lunga pagherà.